VALORIZZARE I MATERIALI OTTENUTI DAGLI PFU: UNA SFIDA EUROPEA

Normative chiare e coerenti a livello europeo e una reale valorizzazione delle piccole e medie imprese che operano nel settore de riciclaggio. Di questo e molto altro si è parlato durante l’incontro svoltosi l’11 ottobre 2016 presso la sede del Parlamento europeo di Bruxelles: una riunione riservata tra “addetti ai lavori” e alcuni parlamentari, presieduta da Inés Ayala Sender, Eurodeputato, membro del Parlamento Europeo Commissione “Ambiente, sanità pubblica e la sicurezza alimentare”.

Al centro del dibattito, l’importanza del settore del riciclaggio e la necessità di mettere in campo azioni concrete per svilupparne tutte le potenzialità. Molti sono infatti gli ostacoli che i riciclatori incontrano sul mercato – ha spiegato il dottor Ettore Musacchi, Presidente di ARGO, che partecipava in veste di rappresentante di ETRA (European Tyre Recycling Association) -. Da un lato la logica dell’economia circolare, il bisogno di ridurre le emissioni di anidride carbonica e il conseguimento di una sempre maggiore efficienza energetica, dall’altro campagne mediatiche non sempre favorevoli ai riciclatori e gli svariati tentativi di mettere fuori mercato o addirittura di vietare i materiali ottenuti dal riciclaggio dei pneumatici.

Ancora molta strada resta da fare per dare dignità a materiali che possono e devono essere recuperati, senza più essere considerati alla stregua di rifiuti. Basti pensare che, proprio di recente, un Regolamento edilizio presentato dalla Germania alla DG Grow il 20 luglio 2016 ha genericamente vietato la costruzione di pavimentazioni con componenti ricavati da vecchi pneumatici, con una descrizione imprecisa e senza motivazioni chiare.
Dal canto loro, gli europarlamentari presenti hanno ascoltato con interesse e hanno dato vita a un costruttivo dibattito che si spera possa proseguire nei prossimi mesi. Con l’obiettivo di trasformare sempre più rifiuti in risorsa e creare opportunità concrete sia dal punto di vista economico che dal punto di vista della sostenibilità ambientale.

Nessun commento ancora

Lascia un commento